PROGETTI DI RICERCA E SVILUPPO PER L’ECONOMIA CIRCOLARE (MISE): DOMANDE DAL 5 NOVEMBRE

PROGETTI DI RICERCA E SVILUPPO PER L’ECONOMIA CIRCOLARE (MISE): DOMANDE DAL 5 NOVEMBRE

 

BENEFICIARI

Imprese di qualsiasi dimensione che esercitano attività industriali, agroindustriali, artigiane, di servizi all’industria e centri di ricerca, che presentano progetti singolarmente o in forma congiunta mediante il ricorso allo strumento del contratto di rete o ad altre forme contrattuali di collaborazione.

Per i soli progetti congiunti, sono ammessi anche gli organismi di ricerca, pubblici e privati, in qualità di co-proponenti.

 

INTERVENTI AMMISSIBILI

L’intervento sostiene attività di ricerca industriale e sviluppo sperimentale, finalizzate alla realizzazione di nuovi prodotti, processi o servizi o al notevole miglioramento di prodotti, processi o servizi esistenti, tramite lo sviluppo delle tecnologie abilitanti fondamentali (Key Enabling Technologies, KETs) di cui all’Allegato_1 del DM 11/06/2020.

I progetti devono essere finalizzati alla riconversione produttiva delle attività economiche nell’ambito dell’economia circolare, in una o più delle seguenti linee di intervento:

  • innovazioni di prodotto e di processo in tema di utilizzo efficiente delle risorse e di trattamento e trasformazione dei rifiuti;
  • progettazione e sperimentazione prototipale di modelli tecnologici integrati finalizzati al rafforzamento dei percorsi di simbiosi industriale;
  • sistemi, strumenti e metodologie per lo sviluppo delle tecnologie per la fornitura, l’uso razionale e la sanificazione dell’acqua;
  • strumenti tecnologici innovativi in grado di aumentare il tempo di vita dei prodotti e di efficientare il ciclo produttivo;
  • sperimentazione di nuovi modelli di packaging intelligente (smart packaging) che prevedano anche l’utilizzo di materiali recuperati;
  • sistemi di selezione del materiale multileggero, al fine di aumentare le quote di recupero e di riciclo di materiali piccoli e leggeri.

Sono ammissibili progetti con elevato contenuto di innovazione tecnologica e sostenibilità, realizzati negli ambiti del ciclo produttivo rilevanti per l’economia circolare individuati dall’Allegato_2 del DM 11/06/2020.

I progetti devono prevedere spese non inferiori a 500.000 € e non superiori a 2.000.000 €.

 

SPESE AMMISSIBILI

  • Personale impiegato nelle attività di R&S;
  • Strumenti e attrezzature;
  • Servizi di consulenza;
  • Materiali;
  • Spese generali.

 

AGEVOLAZIONI

Il contributo alla spesa è concesso per una percentuale nominale dei costi e delle spese ammissibili articolata come segue:

  • 20% per le imprese di micro e piccola dimensione:
  • 15% per le imprese di media dimensione;
  • 10% per le imprese di grande dimensione.

Il finanziamento agevolato è concesso alle imprese e ai centri di ricerca entro il 50% dei costi ammissibili, in presenza di un finanziamento bancario concesso a tasso di mercato a copertura di almeno il 20% delle spese ammissibili.

 

TERMINI E MODALITÀ DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE

Il bando sarà gestito da Invitalia.

La domanda di agevolazioni e gli allegati devono essere redatti e presentati in via esclusivamente telematica.

La procedura di compilazione guidata è resa disponibile nel sito internet di cui al comma 2 a partire dalle ore 12.00 del 26 ottobre 2020. Le imprese dovranno allegare alla domanda, tra l’altro, l’attestazione di disponibilità alla concessione del finanziamento bancario di cui al punto precedente.

Le domande di agevolazione accedono alla fase istruttoria sulla base dell’ordine cronologico giornaliero di presentazione. Le domande presentate nello stesso giorno sono, pertanto, considerate come pervenute nello stesso istante, indipendentemente dall’ orario di presentazione.

Le domande dovranno essere inviate dalle ore 10.00 alle ore 19.00 di tutti i giorni lavorativi, dal lunedì al venerdì, a partire dal 5 novembre 2020 (INDISPENSABILE PRESENTARE LE DOMANDE ALL’APERTURA DELLO SPORTELLO)

 

Per maggiori informazioni contatta i nostri esperti al n. 0522/438524.